Tipologie di impianti

A seconda della loro potenza, esistono due tipologie di impianti fotovoltaici collegati alla rete:

1. impianti fotovoltaici con potenza non superiore a 200 kWp (chilowatt picco, vale a dire la potenza massima prodotta dall’impianto medesimo), particolarmente indicati per l’installazione su case private, per uso domestico, o di piccole imprese, per scopi economici. Riguardo le abitazioni familiari, la potenza dell’impianto di regola è piuttosto piccola, non superando quasi mai i 6 kWp. L’energia prodotta da tali impianti solitamente ha come finalità quella di ridurre il consumo di energia elettrica da erogazione pubblica. La convenienza di questa tipologia sta nella semplicità di manutenzione e nei ridotti costi di gestione;

2. impianti fotovoltaici con potenza superiore a 200 kWp, realizzati soprattutto da imprese che mirano alla produzione di energia elettrica sia per l’auto-consumo che per la vendita. I relativi costi di gestione sono maggiori rispetto al precedente tipo, perché comprendono alcuni oneri fiscali e la gestione del contratto di vendita dell’energia; inoltre, l’installazione di questa tipologia di impianto richiede costi aggiuntivi, necessari alla realizzazione di una linea elettrica idonea al trasporto dell’energia prodotta.

 

 

 

InstallazioniImpianto FotovoltaicoFotovoltaico